Archivio

Archivio per la categoria ‘penso troppo’

21 giugno 2012

21 giugno 2012 Commenti chiusi

E’ la sera del 21 giugno 2012: è appena trascorsa la giornata più lunga e luminosa dell’anno all’insegna di temperature veramente estive: 32°C, sole ed afa. Ci dicono che sia l’alta pressione africana chiamata “Scipione”… qualunque sia il suo nome è un bel tempo estivo di quelli che ricordo da sempre.

Appena fatta la doccia serale sono stato sorpreso da alcune luci brillare dall’interno di un appartamento del palazzo di fronte. Questo edificio è noto in zona come l’alveare per la sua architettura evocativa e soprattutto per il fatto di essere una specie di porto di mare in cui vive gente di ogni tipo e nazionalità, spesso per periodi sorprendentemente brevi. Ebbene, dalla penombra di un appartamento brillava e lampeggiava una fila di palline colorate e luminose: inizialmente incredulo, ho dovuto accettare quello che vedevo: addobbi natalizi, probabilmente a decorare un albero di Natale.

Per concludere in bellezza la giornata ho sorriso di fronte al ritorno delle notizie estive “da ombrellone”: questa è talmente simile alla trama di una commedia che la devo riportare tal quale è stata pubblicata dall’ANSA:


Si crede moribondo e spende tutto a Figi

Ora 69enne neozelandese sta bene, ma e’ sul lastrico
21 giugno, 19:21

(ANSA) – AUCKLAND, 21 GIU – Frank, neozelandese di 69 anni con una diagnosi di cancro terminale, ha deciso di dare fondo ai risparmi di una vita vivendo alla grande gli ultimi giorni che – almeno cosi’ credeva – gli restavano. E’ andato alle Figi con la moglie e in dieci giorni ha speso 30.000 dollari. Dandosi alla pazza gioia, ha accumulato debiti per 80.000 dollari. Solo che alla fine ha scoperto che si trattava di un errore del medico e si e’ ritrovato in ottima salute, ma sul lastrico.

Buona estate a tutti!

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Clinton e le pornacchiose…. e alura?

24 maggio 2012 Commenti chiusi

Bill Clinton pare non si sia mai negato alle belle ragazze, e tutto sommato non desta più di tanta sorpresa il fatto che sia stato fotografato in compagnìa di due pornodive…

L’ANSA riferisce che la foto sia stata scattata l’altro giorno al casinò di Montecarlo assieme a Brooklyn Leigh, premiata nel 2012 per la scena di sesso più stravagante con un Avn Award, l’Oscar del porno, e Tasha Reign, a quanto pare nota pure lei nel giro.
Pare anche che l’ex presidente USA forse non fosse proprio bene al corrente di chi fossero queste belle ragazzotte…

Ora la gaffe diplomatica (indiretta per la moglie) e di relazioni pubbliche è probabilmente grossa, e per qualche giorno vedrete che se ne straparlerà: tutto sommato però trovo preferibile una foto del genere piuttosto che in compagnia di qualche nostro politico di chiara fama, noto mafioso o evasore fiscale, o semplicemente famoso figlio di buona donna.

Sarà antipolitica la mia ma, permettetemelo, gran parte dei nostri eletti non meritano complimenti migliori di questi.

Share

Le stagioni di una volta

29 aprile 2012 Commenti chiusi

Cosa sono le stagioni di una volta, se non il ricordo mitico di un clima che esiste solo nella nostra memoria distillata in un’idea di clima migliore o peggiore di quello che stiamo vivendo in questo momento? Insomma, le stagioni di una volta (che ovviamente non ci sono più) sono essenzialmente un’ottima opportunità per lamentarsi con apparente buona ragione…

Ieri, 28 aprile 2012, c’erano 28 gradi a Vicenza.
Oggi, 29 aprile 2012, ho colto e mangiato le prime ciliege.
Il 1 di aprile 2012 ho visto i primi papaveri.

Non ci sono più le stagioni di una volta… è che non trovo di che lamentarmi! Ecco, mi lamenterò di questo.

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Pasqua col botto!

8 aprile 2012 Commenti chiusi

Spesso la realtà è talmente divertente che non serve inventarsi nulla. Copio e incollo tal quale dall’ANSA di oggi:

Preferisce il carcere alla vita con la madre, lancia una molotov contro commissariato.
Un uomo ai domiciliari ha preferito tonare in carcere che vivere con la madre
08 aprile, 19:05

NAPOLI – Preferiva il carcere alla convivenza forzata con la madre. Un pregiudicato di Torre Annunziata (Napoli) agli arresti domiciliari, Carmine Iervolino, 43 anni, ha lanciato una molotov contro il commissariato di polizia, dopo avere chiesto insistentemente ai poliziotti di poter cambiare domicilio. Iervolino, che e’ un sorvegliato speciale di polizia, piu’ volte denunciato per rapina, estorsione, ricettazione e spaccio di droga, si e’ recato ieri pomeriggio al commissariato di zona illustrando agli agenti i problemi di convivenza insorti con la madre.

I poliziotti gli hanno spiegato che, per un eventuale cambio di domicilio, occorreva presentare un’ istanza all’ Autorita’ giudiziaria, ma l’ uomo non ha voluto sentire ragioni ed ha minacciato di tornare piu’ tardi per fare valere le proprie ragioni. Poco prima delle 21 Iervolino ha lanciato una bottiglia molotov contro il portone dello stabile occupato dal commissariato di polizia, provocando un principio di incendio spento con l’ intervento dei vigili del fuoco.

Le immagini delle telecamere del Comune hanno consentito ai poliziotti di riconoscerlo e di bloccarlo poco dopo al Corso Umberto. Iervolino e’ stato arrestato per incendio doloso, danneggiamento aggravato e possesso di materiale infiammabile. Dovra’ anche rispondere di violazione dell’ obbligo di sorveglianza speciale e di minacce rivolte agli agenti che lo hanno arrestato.

Buona Pasqua a tutti.

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Google maps colpisce in volo!

7 aprile 2012 Commenti chiusi

 

Google maps cattura aereo su Londra

Google maps a volte cattura in maniera involontaria situazioni e oggetti curiosi: eccovi un aereo (un Airbus A320?) presumibilmente in fase di atterraggio all’aeroporto di Heathrow, colto mentre sorvola Russel Square a Londra (giusto dietro al British Museum, per chi conosce la città).

Un’altra curiosità: notare che ho colto questa immagine il 1 di aprile 2012: nell’angolino in alto a destra c’è l’icona di Google Maps Quest, la versione a 8 bit in formato Nintendo…

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Le buone vecchie tradizioni

14 gennaio 2012 Commenti chiusi

In un’epoca in cui tutto si misura con il laser, ci sono droni di guerra telecomandati da un altro continente e la tecnologia sta superando ogni nostra immaginazione è rassicurante sapere che certe cose funzionano ancora all’antica. Leggo oggi sull’ANSA:

ROMA – Due detenuti, uno romeno e l’altro albanese ristretti nelle 2/a sezione dell’istituto per rapina, sono evasi stamani dal carcere romano di Regina Coeli. Lo si apprende dalla polizia. I due, probabilmente dopo aver segato le sbarre, si sono calati unendo delle lenzuola.

Le buone vecche tradizioni insomma, le cose come si facevano una volta.

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Duemila e dodici!

1 gennaio 2012 Commenti chiusi

Pel Natale di quest’anno
niente auguri, c’era Monti
più ci tolgono che danno
e non quadran più i conti…

Ma la breve filastrocca
vuole esser positiva
allegra e non sciocca:
duemiladodici evviva!

Share
Categorie:creatina, penso troppo Tag:

Governo tecnico

15 novembre 2011 Commenti chiusi

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Goodbye Mr. B.

12 novembre 2011 Commenti chiusi

Riporto la schermata dell’ANSA di questa sera. E’ un titolo che aspettavo da anni.

Goodbye Mr. B.

Addenda: il titolo del Corriere della Sera. Graficamente molto illustrativo.

Share

wikipedia ed il castello di Vicenza

1 novembre 2011 Commenti chiusi

Sono capitato per caso stamattina su di una pagina di Wikipedia in francese, che riporto integralmente.
Vi spiegher poi il perch.

Chteau de Vicenza

Le Chteau de Vicenza est l’un des plus grands chteaux italiens, construit au XIIe sicle, il a t financ par le souverain de l’poque pour le premier comte de Vicenza, Desiderio Ier de Vicenza. Il fut en partie dtruit pendant la Seconde Guerre mondiale. Giacomo IV, alors 18me Comte de Vicenza quitte le chteau pour s’installer dans un autre chteau que possde la famille Tencin en Isre (actuelle lieu de villgiature) puis il a t reconstruit en totalit par le 19me Comte de Vicenza, Ugo IV en 1958. Le chteau est depuis 1958 le sige du Comt de Vicenza. Ce lieu ne se visite pas puisque la famille de Vicenza y habite encore.

Per chi non legge il francese traduco:

Il castello di Vicenza

Il castello di Vicenza uno dei pi grandi castelli italiani, costruito nel XII secolo, fu finanziato all’epoca dal sovrano dell’epoca, il primo conte di Vicenza, Desiderio I di Vicenza. Fu in parte distrutto durante la seconda guerra mondiale. Giacomo IV, al tempo 18mo conte di Vicenza, lasci il castello per istallarsi in un altro castello di propriet della famiglia a Tencin in Isre (attuale luogo di villeggiatura), dopodich fu totalmente ricostruito dal 19mo conte di Vicenza, Ugo IV nel 1958. Il castello ancora oggi sede della Contea di Vicenza. Il luogo non visitabile in quanto la famiglia di Vicenza vi abita ancora.

Ci sono critiche ricorrenti a wikipedia per la sua inattendibilit: personalmente ho riscontrato che nel suo complesso l’enciclopedia online contiene un bel 90% di informazioni corrette… solo che quel 10% di crusca ogni tanto fa il capolino, e purtroppo non cos semplice distinguere il buono dal meno buono.
Questa pagina per sorprendente: si tratta di una bufala bella e buona, semplicemente!

La parte che segue rischia di essere pedante, per ci tengo ad approfondire questa che mi sembra una divertente invenzione goliardica (non ho altre spiegazioni per questa montagna di sciocchezze storiche!).

Andando a leggere i link, si scopre che il castello di Vicenza sarebbe stato eretto da

Desiderio Ier de Vicenza

Desiderio Ier est le premier comte de Vicenza et de la dynastie de Crivellaro de Vicenza. Il fut le premier comte habiter dans le chteau de Vicenza. Il institue pour son fils, Desiderio II, le titre de Baron de Tonezza del Cimone, il sera repris par tous les Comtes pour leurs fils ains.

cio

Desiderio I di Vicenza

Desiderio I il primo conte di Vicenza e della dinastia dei Crivellaro da Vicenza. Fu il primo conte ad abitare il castello di Vicenza. Istitu per suo figlio, Desiderio II, il titolo di Barone di Tonezza del Cimone, che sar ripreso da tutti i Conti per i loro figli maggiori.

Affascinante.
Scopriamo inoltre che:

Crivellaro de Vicenza

Crivellaro de Vicenza est une dynastie italienne de Vicenza fonde par Desiderio Ier de Vicenza.
Cette dynastie steint aprs Guglia Iere. La dynastie aura dur prs de neuf sicles, elle rassemble la totalit des Comtes de Vicenza depuis le XII me sicle jusqu’ nos jours.

cio

Crivellaro da Vicenza

Crivellaro da Vicenza una dinastia italiana da Vicenza fondata da Desiderio I da Vicenza.
Questa dinastia si estingue con Guglia I. La dinastia durer circa nove secoli, riunendo la totalit dei Conti di Vicenza dal XII secolo fino ai giorni nostri,

Sono sempre pi stupito.

Andando a cercare oltre ho trovato questa pagina, che espone la lista completa dei Conti di Vicenza (a questo punto la traduzione la faccio direttamente):

Conte da Vicenza

Lista dei conti da Vicenza dal XII al XXI secolo.

1162-1230 : Desiderio I (1199-1230), primo conte da Vicenza
1180-1250 : Desiderio II (1230-1250)
1210-1278 : Andrea I (1250-1278)
1235-1300 : Desiderio III (1278-1300)
1280-1353 : Giacomo I (1300-1353)
1324-1402 : Ugo I (1353-1402)
1369-1458 : Ugo II (1402-1458)
1429-1501 : Ugo III (1458-1501)
1491-1576 : Giacomo II (1501-1576)
1558-1625 : Giacomo III (1576-1625)
1601-1672 : Andrea II (1625-1672)
1651-1728 : Andrea III (1672-1728)
1702-1783 : Emanuele Filiberto I (1728-1783)
1756-1833 : Carlo Alberto I (1783-1833)
1782-1835 : Umberto I (1833-1835)
1821-1901 : Umberto II (1835-1901)
1850-1925 : Pietro Andrea I (1901-1925)
1885-1978 : Giacomo IV (1925-1978)
1921-2003 : Ugo IV (1978-2003)
1958- : Guglia I (2003-??). E’ la prima contessa (e dunque l’ultimo membro) della dinastia dei Crivellaro da Vicenza
1990- : Guillaume I (?-?). E’ il primo membro della dinastia dei Rey di Vicenza.

Rey di Vicenza = Re di Vicenza ?!? Favoloso!!!
La lista esilarante, include una serie di nomi di Re d’Italia!

Una volte smesso di sganasciare e asciugate le lacrime, opportuno dare qualche informazione a chi non ferrato in storia o non di Vicenza.

– A Vicenza ci sono i resti di due castelli, uno dei quali contiene il famoso Teatro Olimpico. Dell’altro rimane la Porta Castello. Per approfondire sui castelli di Vicenza invito a leggersi le pagine a riguardo contenute nel sito mondimedievali.it; a tutti gli altri posso assicurare che a Vicenza non c’ affatto uno dei castelli pi grandi d’Italia.

Desiderio I fu un re longobardo che effettivamente regn a Vicenza, ed noto per aver battuto una moneta d’oro, per l’esattezza un tremisse, forse l’unica moneta mai battuta a Vicenza.

– La dinastia dei Crivellaro da Vicenza una pura invenzione, probabilmente di un tale Guillaume (o meglio Guglielmo) Crivellaro, autocreato Re di Vicenza.

Complimenti per la goliardata!

Share