Archivio

Archivio per la categoria ‘penso troppo’

ah gi, dimenticavo…. [a proposito di Facebook]

26 maggio 2011 Commenti chiusi

Quasi dimenticavo di avvertire i miei amici di Facebook: non esisto pi.

Ma come? Dir qualcuno – certo che esisti, visto che hai scritto queste quattro righe!

Ovvio che esisto, come ogni parte del mondo reale esisto (evito di addentrarmi in contorsioni filosofiche sul concetto di esistenza, di percezione e di coscienza di s e del mondo…) – ma non pi in Facebook. Ho suicidato la mia persona virtuale di faccialibro, ritenendola inutile, inopportuna e talvolta inopinata. Che me ne faccio di una rappresentazione di me che non vado mai a salutare, figuriamoci ad aggiornare? Lascio che siano gli altri a definirmi? Meglio dargli una degna sepoltura.

Un motivo pi profondo per questa avversione al faccialibro nasce dalla sua pervasivit. Ormai il profilo di Facebook una sorta di carta di identit elettronica / C.V. aggiornato in tempo reale, visibile anche a chi non ci fa piacere che la veda, e soprattutto fuori dal nostro controllo. La praticit del mezzo innegabile: ormai pi facile trovare qualcuno in Facebook che nell’elenco del telefono, ed aggiornarci sulle sue attivit pi recenti senza nemmeno doverlo disturbare con una visita od una chiamata. Insomma, altro che social network, mi sembra piuttosto asocial se mi permessa un’opinione. In fondo un luogo virtuale in cui tutti possono spiare tutti, felici e contenti di saperne di pi su gente che normalmente non si saluterebbe per strada!

La ragione finale, e probabilmente pi importante di tutte, la trappola commerciale che Facebook ha creato: ogni nostro click nel social-portale un’informazione in pi su di noi, che, messa assieme a centinaia o migliaia di altre piccole informazioni che volontariamente abbiamo fornito, permette a sofisticati software di analisi statistica di creare un profilo piuttosto corretto sui nostri gusti alimentari, sessuali, di shopping e di opinione… bene, preferisco che su di me il database di Facebook non ce le abbia.

Tutto questo per dirvi, cari ex-amici virtuali, che su Facebook non mi trovate pi.

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Six years later!

19 maggio 2011 Commenti chiusi

Sei anni dopo faccio il punto della situazione: il19 maggio 2005 postai “Dalla padella alla brace”, in cui annunciavo la mia rinuncia alla televisione (in realt era gi dal 2003 che ero senza, fu tutta una scusa per far sapere a tutti che avevo fatto l’abbonamento alla linea ADSL).

Bene: cos’ successo nel frattempo?

La televisione non ce l’ho, o per meglio dire c’ ma i canali non sono mai stati sintonizzati. Non c’ Sky, n la parabola, n il decoder per il digitale terrestre: tecnicamente quindi la televisione non la vedo.

L’ADSL per mi ha dato accesso alla nostalgia televisiva: i cartoni animati di quand’ero piccolo – Goldrake (Atlas Ufo robot), Capitan Harlock, Heidi (si lo ammetto)… ed ai telefilm di allora e di adesso: Happy Days, Desperate Houswives e Six feet under.

Mi rendo conto per di non essere affatto aggiornato: nel frattempo ho guadagnato una moglie e due figli, quindi il tempo di sfruttare l’ADSL per navigare e bloggare non c’ pi! La parabola del single finita da tempo insomma.

Contrariamente alle mie previsioni di 6 anni fa, non mi sono dato n al ciclismo, n al giardinaggio: il poco tempo che rimane soddisfatti nell’ordine il datore di lavoro, i figli e la moglie, dedicato alla storia ed alla numismatica medievale… un gran pacco insomma!!!

A questo punto ecco due siti web che sintetizzano la mia esistenza in rete (e anche no):

www.idraulicidelsuono.it

www.lamoneta.it

Sono curioso di rifare il punto della situazione fra altri 6 anni: chiss che non abbia un cane (io! un cane? mai!), un orto con i pomodori e l’abbonamento alla palestra…

Share
Categorie:penso troppo Tag:

quando si rompono le uova nel paniere…

9 gennaio 2011 Commenti chiusi

Eccovi una recente scoperta (di un video non proprio recente, macchissenefrega!) L’ho trovato genialmente esilarante, condivido volentieri l’esperienza!

Share
Categorie:penso troppo Tag:

piove… e piove… e piove…

6 dicembre 2010 Commenti chiusi

Ho l’impressione che quest’anno stia piovendo pi del solito… siccome per le impressioni sono un dato soggettivo, mi sono cercato un po’ di dati per vedere se veramente un anno particolarmente bagnato, e se s, di quanto.

I dati di piovosit media sono gi sorprendenti per conto loro: salta fuori che a Roma piove pi che a Londra, Dublino o Amsterdam, e Vicenza in media un 44% pi piovosa di Londra! Ovviamente la differenza sta in come si producono questi numeri: a Londra scende spesso una pioggia fina che non crea molto accumulo, mentre in Italia ci sono meno giorni piovosi, ma quando piove, di acqua dal cielo ne scende tanta.

Ok, stabiliti i numeri, scopro dalla stazione privata di Enrico Agosti a Montecchio Maggiore che quest’anno qui sono scesi 1895,5 mm di pioggia, e sta ancora piovendo… nell’ora e mezza trascorsa dal momento in cui ho costruito il grafico siamo saliti a 1898 mm! Stiamo parlando del 75% in pi di pioggia della media per Vicenza, e manca quasi un mese a fine anno! Per riferimento ho inserito nel grafico anche il dato medio di piovosit per Bergen in Norvegia, una delle citt pi piovose d’Europa.

Bene, la mia impressione (e anche la vostra) corretta.

Share
Categorie:penso troppo Tag:

ferragosto 2010

15 agosto 2010 Commenti chiusi

L’estate sta finendo… e le parole che seguono vengono da s, [un anno se ne va], luogo comune moderno, anzi pop.

Per la sensazione che ho avuto oggi stata quella di una estate che languidamente se ne va verso l’autunno, con grazia e qualche goccia di pioggia in pi del solito. Il condominio semivuoto, le strade pure: mi sento un po’ come il Marcovaldo con cui Italo Calvino descriveva Torino in agosto, deserta e disponibile a svelare i suoi segreti, nascosti dal turbinio metropolitano in ogni altro mese dell’anno. Che gioia, trascorrere a casa le ferie di agosto!

Questi pensieri a ruota libera vanno a colmare il vuoto di zero post in questo mese… sar che di ferie ho avuto una settimana sola, e mi sono dedicato ai bimbi ed allo studio del denaro tornese della Grecia Franca durante i secoli XIII-XIV… vi sento gi fremere dall’eccitazione solo a sentirne parlare, vero?!?

Buone ferie, o voi che ne avete ancora.

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Burning Veszprm

25 luglio 2010 Commenti chiusi
Categorie:penso troppo Tag:

…contadinacci ignoranti e avari…

24 luglio 2010 Commenti chiusi

Si idealizza spesso il mondo contadino, bucolico e agreste, custode delle sane tradizioni di un passato quando il mondo era pi giusto e meglio spartito. Eppure dalla letteratura spuntano visioni differenti: per esempio Giovanni Verga parlava di contadinacci ignoranti e avari, e spesso descriveva personaggi della campagna che vivevano per la roba.

Come spiegano magistralmente Ilaria Picariello e Annarita Spagnuolo, gli avidi sono considerati egoisti, perch usano il prossimo a proprio vantaggio. Non sono solo i ricchi ad amare esageratamente la ricchezza, ma anche la gente povera. Il denaro per queste persone assume un valore fine a se stesso e porta lavaro a condurre una vita priva di piaceri concreti, dove lunico obiettivo accumulare… non riconosce nessuno di voi qualche parente contadino che ha passato la vita a spaccarsi la schiena nei campi, bastonando i cani ed i figli per farsi obbedire, seminando il mais ogni anno mezzo metro pi in l per occupare e sperare di appropriarsi di un pezzo di strada comunale? Sono sicuro che qualcuno di voi conosce famiglie in cui i figli ogni mese dovevano lasciare ai genitori lo stipendio, per poter un giorno sposarsi e trovare gi fatta una casa, pensata, costruita e di propriet dei genitori… questi stessi non fiatavano in casa, perch temevano di non rivedere mai pi i loro soldi.

T’amo, pio bove… fregnacce scritte da un poeta idiota che viveva in citt. Da secoli la vita contadina fatta di duro lavoro, insulti dei vecchi, bambini da tirar su a pedate, vacche che morivano di parto, preti da rispettare per timore di Dio e di essere sputtanati, suore ingorde e frati sporcaccioni… il mondo bucolico stato inventato per i ricchi possidenti che si godevano la villa in campagna, e oggi serve a vendere yogurt pieno di zucchero e conservanti…. che tristezza.
Ogni riferimento a fatti e persone realmente esistenti non puramente casuale.

Share
Categorie:penso troppo Tag:

28 giugno 2010 Commenti chiusi
Berlusconi cacca

Berlusconi cacca

Mia figlia ha 21 mesi: l’et dell’energia inesauribile, del non volere andare a letto, del fare i capricci per mangiare.

Ma anche un et meravigliosa, vedi ogni giorno dei progressi meravigliosi, la mente gira e le parole a poco a poco seguono. L’altro giorno ha visto la copertina di una rivista, c’era uno foto del presidente del consiglio. Lei, senza imbeccata alcuna, ha puntato il dito sul faccione e ha detto: “cacca“.

Mi sono commosso.

Share
Categorie:penso troppo Tag:

…a volte su iutub…

1 maggio 2010 Commenti chiusi

…che dire…

Share
Categorie:penso troppo Tag:

28 aprile 2010 Commenti chiusi

Ricevo questa lettera aperta da una cara amica e pubblico, tale e quale:

Salve,

sono un cittadino della Libera Repubblica dell’Italianistan.

Vivo a Milano DUE in un palazzo costruito dal PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. Lavoro a Milano in una azienda di cui è mero azionista il Presidente del Consiglio. Anche l’assicurazione dell’auto con cui mi reco a lavoro è del Presidente del Consiglio, come del Presidente del Consiglio è l’assicurazione che gestisce la mia previdenza integrativa.

Mi fermo tutte le mattine a comprare il giornale, di cui è proprietario il Presidente del Consiglio. Quando devo andare in banca, vado in quella del Presidente del Consiglio.

Al pomeriggio, esco dal lavoro e vado a far spesa in un ipermercato del Presidente del Consiglio, dove compro prodotti realizzati da aziende partecipate dal Presidente del Consiglio.

Alla sera, se decido di andare al cinema, vado in una sala del circuito di proprietà del Presidente del Consiglio e guardo un film prodotto e distribuito da una società del Presidente del Consiglio (questi film godono anche di finanziamenti pubblici elargiti dal governo è presieduto dal Presidente del Consiglio).

Se invece la sera rimango a casa, spesso guardo la TV del Presidente del Consiglio,con decoder prodotto da società del Presidente del Consiglio, dove i film realizzati da società del Presidente del Consiglio sono continuamente interrotti da spot realizzati dall’agenzia pubblicitaria del Presidente del Consiglio.

Soprattutto guardo i risultati delle partite, perchè faccio il tifo per la squadra di cui il Presidente del Consiglio è proprietario.

Quando non guardo la TV del Presidente del Consiglio, guardo la RAI, i cui dirigenti sono stati nominati dai parlamentari che il Presidente del Consiglio ha fatto eleggere. Allora mi stufo e vado a navigare un pò in internet, con provider del Presidente del Consiglio. Se però non ho proprio voglia di TV o di navigare in internet, leggo un libro, la cui casa editrice è di proprietà del Presidente del Consiglio.

Naturalmente, come in tutti i paesi democratici e liberali, anche in Italianistan è il Presidente del Consiglio che predispone le leggi che vengono approvate da un Parlamento dove molti dei deputati della maggioranza sono dipendenti ed avvocati del Presidente del Consiglio, che governa nel mio esclusivo interesse!!!!!!!!!!!!!

Share
Categorie:penso troppo Tag: