Archivio

Archivio per la categoria ‘penso troppo’

Il blog che non può dormire in pace

7 agosto 2017 Commenti chiusi

robobloggo.com è uno dei milioni di blog messi a dormire (il più delle volte per sempre) da facebook, google+, instagram e via dicendo.
Non è un requiem ma una semplice, realistica constatazione.

Eppure un blog che dorme è tormentato dagli incubi.
Dopo un anno che non entravo in queste pacifiche pagine scopro che era stato invaso da post alieni, scritti da qualche bit-pirata che lancia scrupolosi automi in cerca di indifesi siti in coma profondo…
Vabbè, me lo dovevo aspettare… ho cancellato i post iperspammosi e ho aggiornato tutti i plugin nonchè wordpress… vediamo se questo basta.

Nel cybermondo virtuale quel che è tuo non è più tuo se non lo presidi e difendi, una piccola lezione di come va il mondo!

Share

Birra “Alpen Scura”

24 agosto 2014 Commenti chiusi

E’ molto tempo che non recensisco una birra. Di solito segnalo quelle che veramente mi hanno colpito per carattere o bontà, ma oggi mi trovo a dare una stroncatura solenne alla “Alpen Scura”. OK, l’ho comprata in offerta a 50 centesimi di euro a bottiglia a 0,50 l e non mi aspettavo chissà cosa, ma finora non mi era mai capitata una birra che sapesse di segatura bruciata e mi facesse venire le bolle sulla lingua.
Spesso le birre scure un po’ così sono troppo dolci o troppo luppolate. In questo caso il luppolo dev’essere stato troppo e pure cattivo!
Per rendere l’idea forse immaginate una Heineken in cui abbiate lasciato in infusione per un mese della corteccia di noce… si ecco, ci siamo – no anzi ecco finalmente la not giusta: immaginate una bustina di té nero lasciato in infusione e dimenticato per tutta la notte. Mescolate il risultato con della birra bionda.
conclusione: non vale nemmeno i 50 centesimi a bottiglia che ho pagato.

Dati di targa:
Alpen Scura
5,3% alc.vol.
prodotta da
Birra Castello S.p.A.
S. Giorgio di Nogaro (UD)

Voto (0-10): 3

Share
Categorie:penso troppo Tag:

Piove sul bagnato

7 febbraio 2014 Commenti chiusi

E’ passato un bel po’ di tempo dal mio ultimo post. Di cose nel frattempo ne sono successe (buon Natale e felice Anno Nuovo a tutti…), ma certi meccanismi non cambiano mai.

Parliamo di qualcosa di concreto: ultimamente qui in Veneto (e non solo) è piovuto parecchio, si sono ripetuti allagamenti, alluvioni e frane, i sindaci si sono stracciati le vesti e i governatori con piglio decisionista hanno fatto dichiarazioni pubbliche di impegno e vicinanza al territorio. I media si sono dedicati con attenzione alla crisi, gli aspetti drammativi, emozionali e spettacolifici particolarmente curati – la rivoluzione degli smartphone, del video facile ed istantaneo,  i social network che tutto digeriscono e rigurgitano in rete,  hanno trasformato il popolo dei mangiatori di TV in produttori delle stesse cose di cui poi si nutrono… ma sto divagando. Ora verrà di sicuro il momento della ricerca dei colpevoli, nella consapevolezza che nel giro di qualche settimana arriverà il sole primaverile e ogni cosa sarà dimenticata (salvo i fondi stanziati per il disastro, che tutti regolarmente si contenderanno per riuscire a foderare anche solo un pochino le proprie languide tasche).

C’è una piccola questione di punti di vista però che non mi convince. Partiamo dai fatti.

Fatto nr. 1: piove un sacco.

È stato il gennaio più piovoso di sempre”
Da inizio anno caduta la pioggia di 6 mesi

RECORD ASSOLUTO. Dal 1858 mai tanta pioggia nel primo mese dell’anno, 355 mm quando la media è 76.

06/02/2014

Zoom Foto

Una parte del grafico delle precipitazioni tra gennaio e inizio febbraio 2014 a Vicenza

VICENZA. “E’ stato il gennaio più piovoso di sempre”. Ad affermarlo è l’esperto meteo vicentino, Elvio Cerato, creatore e gestore di una centralina meteo in comune di Arcugnano. Incuriosito dalla eccezionale piovosità del periodo ha effettuato una ricerca neegli Annali Idrologici, pubblicati dall’Ufficio Idrografico del Magistrato alle Acque di Venezia, e nei resoconti delle rilevazioni effettuate presso l’Osservatorio Meteorologico dell’Accademia Olimpica.
“Il dato che emerge – spiega Cerato – è che la quantità di precipitazione dello scorso mese a Vicenza (355,4 mm, equivalenti a ad altrettanti litri per metro quadrato) è la massima registrata nel mese di gennaio da sempre. Considerando l’intero periodo di cui sono disponibili con continuità (salvo l’interruzione aprile 1944-dicembre 1945) i totali mensili di precipitazione a Vicenza, cioè da inizio 1858, sono stati registrati in gennaio totali mensili superiori a 200 mm solo negli anni 1972 (201,2 mm),  1977 (237,3 mm) e 1985 (223,2). Nello stesso arco di tempo (1858-2014) la media mensile di precipitazione del mese di gennaio è di 76,4 mm”.
“Altrettanto notevole è la quantità di pioggia caduta nei primi 5 giorni di febbraio – prosegue Cerato – (159,8 mm) con un cumulo totale di oltre 515 mm da inizio anno, quantità corrispondente a circa il 45% della media della precipitazione annua (1146 mm) del periodo 1858-2014. Anche le osservazioni relative a periodi precedenti a quello citato (1785-1792, 1807-1811 e 1827-1829) confermano il massimo assoluto del gennaio 2014”.

Articolo tratto dal Giornale di Vicenza del 6 febbraio 2014
http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/dalla_home/640139__stato_il_gennaio_pi_piovoso_di_sempre_da_inizio_anno_caduta_la_pioggia_di_6_mesi/?refresh_ce

 

Fatto nr. 2: Il clima sta cambiando

Inizia ad essere difficile ormai sostenere che il riscaldamento globale non esiste, a meno che qualcuno non ti paghi per farlo. Le temperature miti di quest’anno sono particolari, ma confermano un trend in atto da vari decenni ormai. Il risultato immediato per noi italiani è che il Mediterraneo si raffredda meno che in passato, e alimenta le perturbazioni atlantiche in ingresso da ovest di nuova energia e umidità. Insomma, piove di più, in un colpo solo.

 

Conclusioni

E’ inutile cercare colpevoli, il problema rimane: il clima è cambiato e bisogna prenderne atto. Anche in futuro farà meno freddo d’inverno, pioverà di più, ci sarà meno neve in montagna e più acqua nei torrenti. Prendiamone atto e facciamo quel che serve fare per limitare i danni: creiamo zone in cui le acque dei fiumi in piena possano espandersi in maniera controllata invece di alzare ancora gli argini. Prediamoci cura dei canali e dei letti dei torrenti. evitiamo di impermeabilizzare altro territorio ancora, anzi, iniziamo a considerare seriamente di aumentare la superficie di tetti a verde pensile, di parcheggi a prato… sicuramente ci sono tantissime altre soluzioni grandi e piccole che tutte assieme possono aiutare. Però facciamolo.

Share

un mese dopo l’apocalisse… e non è successo proprio nulla.

29 ottobre 2013 Commenti chiusi

Un mese fa esatto eravamo tutti, io compreso, in stato ansioso per le sorti dell’Italia a causa dell’ennesimo colpo di testa di messer Silvio.

Un mese esatto dopo quel giorno di passione, e tutto è più o meno come prima nella politica italiana.

Irrilevante
Inutile
Irritante

..insomma: iiiiiiiiiiii !

Share

Altro che Ikea!

5 aprile 2013 Commenti chiusi

Altro che Ikea!

Share
Categorie:penso troppo Tag:

12 marzo 2013 Commenti chiusi

Vorrei fare un commento politico di grande attualità, ma mi scoraggia anche solo l’idea di tentare.
Dunque mi sfogo altrimenti.

wash_balls_here

Share

Oooh che bella giornata!

27 febbraio 2013 Commenti chiusi

Oooh che bella giornata stamattina!

Ieri sono finite le elezioni politiche. E’ l’ora di fare i conti: il PD ha vinto perdendo, il Cadavere continua ad affascinare un sacco, Beppe Grillo non è stato eletto, non governerà ma comanderà comunque (e chi, se non lui, andrà dal presidente della Repubblica per le consultazioni?) giusto per dovere di democrazia, Maroni si è dimostrato più furbo del diavolo e, visto che tutto era comunque perduto si è alleato con il Cadavere ed è riuscito ad accaparrarsi la Regione Lombardia… insomma ce n’è per tutti.

Qualunque considerazione lucida e ragionata oggi fa ridere, quindi non ne faccio proprio (che io comunque non ne sono capace). Il prossimo mese sarà divertentissimo ragazzi, preparatevi ad uno spettacolo di incredibile varietà!

Share
Categorie:penso troppo Tag:

L’imbroglio, la rabbia e la delusione

20 febbraio 2013 Commenti chiusi

In inglese lo chiamano “mud slinging”, lanciare fango: è lo sport più importante in Italia con la particolarità che chi lo pratica spesso non si capisce bene chi sia, al massimo si può intuire o dedurre.
A 4 giorni dalle elezioni politiche 2013 non c’è nessuno che non si sia sporcato la faccia di m… fango: il PD con il Monte di Paschi, la Lega con Finmeccanica, Grillo con un suo incidente di anni e anni fa, Oscar Giannino con il finto master… pure il Papa ha rinunciato a continuare così e si è dimesso, lasciando tutti disgustati di fronte ai mega-banchieri vaticani pedofili.

Chi ci guadagna? Mah, difficile da dire, ma ho come l’impressione che alla fine B&B (indovinate chi nel PD e nel PDL) siano quelli che alla fine dei giochi guadagnano più voti – se non fosse che Beppe Grillo preoccupa tutti e due. Viene da chiedersi se non siano B&B i veri campioni di Mud Slinging 2013, io qualche sospetto ce l’ho…

Qualunque sarà il risultato so già che fra 18 mesi al massimo torneremo a votare, e ci godremo il campionato 2014-15 dello sport di cui sopra. Vinca il peggiore.

Share

Il mercato delle vacche (elezioni politiche 2013)

25 gennaio 2013 Commenti chiusi

Di fronte alla confusione, peraltro abituale, della politica italiana le elezioni incombenti sono una bella occasione di scelta. Abbiamo come al solito varie possibilità, ma in sostanza ce ne sono due: votare come al solito o scegliere.
La carrellata, ed il mio personale e molto parziale giudizio:

PD
La sfinge della politica. Inerte nella sua opposizione di resistenza al sig. B. come uno scoglio in mezzo al torrente: non ha subito danni, ma è rimasto assolutamente fermo. Bersani ha il carisma di una carota, ma è evidentemente abile nella politica fuori dal palcoscenico, a giudicare come è riuscito a depotenziare Renzi e batterlo alle primarie. Lo scandalo Monte dei Paschi è una brutta faccenda e mina la credibilità del partito, non abbastanza per allontanare l’elettorato fedele, ma abbastanza da gettare dubbi importanti sulla sua capacità di fare una politica diversa dal passato. Niente pastrocchi politica-industria-finanza in futuro? Mah… chi li ama li segua.

PDL
E’ come sparare sulla Croce Rossa (scusi Sig. B. per aver nominato un colore così terribile). Un partito impresentabile, pieno di impresentabili, guidato da un impresentabile all’ennesima potenza. Ha governato per 15 anni riuscendo a gonfiare spesa pubblica e debito nazionale, senza dare alcun impulso all’economia. E’ finito il sogno, non esiste alcun motivo razionale per votarli ancora.

Lista Monti
Candidarsi alla guida dell’Italia con a fianco Fini e Casini è come promettere di vendere pesce fresco con a fianco due netturbini… Non me ne voglia Monti, ma dei due squali a cui a scelto di accompagnarsi non mi fiderei nemmeno se… no, non ci sono esempi possibili. Peccato, Monti prometteva bene.

Lega Nord
Non c’è cosa peggiore che deludere chi crede davvero in quello che dici. Chi votava Lega lo faceva per passione e convinzione, gli scandali hanno infranto un patto implicito di profonda fiducia. Ora sono un partito come gli altri, labile e bugiardo. Perché mai dovrebbe essere meglio votare per loro piuttosto che per altri?

Lista Ingroia
Non so perché, ma non mi fido dei giudici che si mettono in politica. Creano forti dubbi sull’imparzialità dei magistrati. Un giudice non dovrebbe mai dare interviste, figuriamoci mettersi in politica… E poi è saltato sul carro pure Di Pietro, che ormai vedeva il suo partito affondare negli scandali e si è defilato senza fare troppo rumore. Se per voi questa è una garanzia..

Movimento 5 Stelle
Grillo era un bravo comico, ma come politico non fa affatto ridere. A me fa paura, sembra un fascistone travestito da hippy. Che brividi!

SEL

Vendola è un gran parlatore: discute, dibatte, parla, obbietta… mai visto fare qualcosa in vita sua però. Mah.

Lista Fare
Oscar Giannino, il giornalista e polemista ultraliberale di Radio24, è sceso in politica. Il suo programma è chiaro, esplicito, forse poco realizzabile, ma ha il merito di non essere ipocrita. Votabile.

Bene, ho detto la mia. Voi votate quelli che volete!

Share

Rapito dagli alieni

11 gennaio 2013 Commenti chiusi

Ne sono certo, sono stato rapito dagli alieni.

Non ci sono altre spiegazioni: ultimamente se bevo anche solo una tazzina di caffé passa una ventina di minuti e devo correre a far la pipì. Siccome non c’è alcun dubbio sulla mia salute, e sono giovane, sono giunto alla conclusione che una notte gli alieni mi abbiano rapito e, in un folle esperimento chirurgico, mi abbiano innestato la vescica di uno scoiattolo al posto della mia. Ho guardato bene, non ho cicatrici o segni dell’operazione, ma sicuramente questi alieni hanno delle tecnologie così avanzate che questo non vuol dire nulla.

A dir la verità c’è un’altra ipotesi che mi è balenata per il cervello: la fine del mondo predetta dai Maya in realtà c’è stata, ma si è concentrata sulla mia vescica. Ma siccome credo solo nella scienza, ho immediatamente scartato quest’idea.

Bene, fra ottobre a gennaio questa è la cosa più intelligente che sono riuscito a scrivere. Auguri di buon anno a tutti.

Share
Categorie:penso troppo Tag: