Archivio

Archivio per la categoria ‘musica e spettacolo’

Condutture Contarine

2 giugno 2008 Commenti chiusi

Gli Idraulici del Suono hanno lavorato ancora: stavolta i loro misfatti alla notte bianca di Piazzola sul Brenta sono documentate su video!

 

 
Inchiodati alle loro responsabilità, gli Idraulici confessano tutto: sono stati loro ad agitare la notte fra il 31 maggio ed il 1 giugno 2008.
 
Verifica gli atti processuali completi su youtube.com!
Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:

Gli idraulici del suono hanno colpito!

9 febbraio 2008 2 commenti
Categorie:musica e spettacolo Tag:

Un pittore poco conosciuto

4 ottobre 2007 3 commenti

Vorrei farvi conoscere un pittore poco noto anche nelle sue zone.

Ha uno stile realista / onirico interessante, molto orientato al paesaggio ed al dettaglio naturalistico.

Date un’occhiata al sito equilibriarte.org per un assaggio della sua produzione!

 

P.S.: dimenticavo di menzionare che il pittore Giordano Brunettin è un mio buon amico, e che non sa di queste righe – magari fra qualche anno mi perdonerà! Cool

 

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:

Patrizia Laquidara dal vivo – 30 marzo 2007

2 aprile 2007 Commenti chiusi

Venerdi scorso, il 30 marzo 2007, ero al CSC – Centro Stabile di Cultura di San Vito di Leguzzano (VI). E' stato un bel concerto, veramente: Patrizia Laquidara presentava dal vivo le canzoni del suo nuovo album, Funambola, con il suo gruppo di fedelissimi musicisti: 

TONY CANTO alla chitarra
MIRCO MAISTRO alla fisarmonica
FRANCO BARRESI alla batteria
ALFONSO SANTIMONE al piano e tastiere
LORENZO PIGNATTARI al contrabbasso

La serata è iniziata con una canzone cinese cantata a cappella da Patrizia: in pochi istanti il chiacchiericcio della sala si è trasformato in concentrata attenzione su questa voce incomprensibile, su queste parole che trasmettono il senso di qualcosa di poetico e profondo, anche senza capirle.

L'intero gruppo inizia a suonare poi "Le cose": un groove molto diverso dalle canzoni di Indirizzo Portoghese, l'album precedente. C'è la tastiera, la batteria è molto pop: insomma, ho un sussulto, non è quello che mi aspettavo. Intendiamoci, è una bella canzone, ben composta – il ritornello mi ricorda certe armonie degli XTC, e questo è un complimento! Wink Però la voce di Patrizia non trova giustizia in questa canzone. I brani successivi mi fanno pensare con un pizzico di malizia che "Le Cose" sia finita in testa alla scaletta per essere bruciata subito, per poi passare alle canzoni serie… ed infatti il resto della serata ha presentato materiale vario e assolutamente interessante. 

Il tastierista Alfonso Santimone, una potenza scatenata di inventiva e follia musicale, ha portato negli arrangiamenti rumore, free jazz, un senso di ironia sonora irritanti e geniali allo stesso tempo. In vari momenti ho sentito note à la Keith Jarrett degli anni '70, e scusate se è poco!

La fisarmonica di Mirco Maistro purtroppo sparisce  un po' dagli arrangiamenti, ma quando c'è Brasile c'è anche lui, in pienissima forma. Modesto e umile, fa cose di assoluto rispetto senza l'apparenza di un minimo sforzo… poi se ne va dal palco in punta di piedi, quasi per non disturbare.

La coppia ritmica della batteria di Franco Barresi ed il contrabbasso di Lorenzo Pignattari creano una base solida e non invadente, misurata ed efficace al punto giusto.

Tony Canto rimane una presenza insostituibile, la sua chitarra è una roccia ritmica ed una certezza armonica. Non si mette in particolare evidenza, se non in un paio di occasioni, ma è il vero motore del gruppo di musicisti.

Il ritmo è più aggressivo rispetto ad Indirizzo Portoghese, l'atmosfera è diversa: vorrò ascoltare e riascoltare le canzoni per giudicarle nel loro contesto, e non in rapporto alle aspettative create dalle canzoni. Gli spunti musicali sono i più vari: c'è l'intimità melodica delle canzoni dell'album passato, ma anche tanta, tantissima sperimentazione psichedelica, ritmi e frasi ossessivamente ripetute su di un intreccio di armonia, ritmo e rumore. C'è il Brasile popolare già esplorato in passato, ma anche tutta la musica brasiliana di oggi, contaminata di hip-hop e rock: la bellissima Confusioni (spero di ricordarmi correttamente il titolo), scritta nel Nordest del Brasile, porta in sè gli echi di Lenine e gli altri musicisti di Recife e dintorni. Splendido, non la classica cartolina musicale.

Ora attendo l'uscita del disco per gustarmi con calma quello che mi aspetto sia un CD da ascoltare e riascoltare…

 

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:

Il ritorno di Patrizia Laquidara?

22 febbraio 2007 2 commenti

Girano voci, sempre più insistenti, di un ritorno di Patrizia Laquidara con nuove incisioni da studio di registrazione… non so se sia vero, ma lo spererei.

Intanto su youtube.com c'è sempre più materiale live, di ottima qualità, che se preannuncia un ritorno ne promette uno di grande, grandissima qualità. La voce di Patrizia è sempre magica, ma si è aggiunta una potenza evocativa da grande chanteuse. In particolare ho appena scoperto una sua intensissima interpretazione di albergo a ore, un video live di ottima qualità audio.

Nella sua voce di donna – non di ragazza, non c'è più nulla di acerbo in essa – si sciolgono dolcezza e oltraggio graffiante, fragilità e potenza. Quanto a lungo ancora potrà il sistema discografico e radiofonico ignorare un talento del genere?

 

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:

Goodbye James Brown!

25 dicembre 2006 2 commenti

Se n'è andato uno dei personaggi che ha fatto ballare il mondo intero, che ha traghettato il soul al funk: il Padrino del Soul, Mr. James Brown.
Cattivo, spudorato, delinquente e magnetico, maschilista fino all'osso e ammaliatore di femmine: just like a (sex machine) è stato il suo inno carnale alla danza scatenata, e soprattutto all'orgoglio di essere nero.

Se n'è andato il giorno di Natale, a 73 anni, e, anche dopo una carriera come la sua, lascia un vuoto nella musica nera.

James Brown
Barnwell, 3 maggio 1933
Atlanta, 25 dicembre 2006

Goodby, Mr. Brown: è ora di far ballare i tutti diavoli dell'inferno!

Il sito ufficiale

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:

Italia campione del mondo di calcio

10 luglio 2006 2 commenti

< %image(finale1.jpg|500|381|La piazza attende!)%>

Eh si, stavolta non posso non gioire con il resto d’Italia! E’ mezzanotte e un quarto, scrivo queste righe con lo strombazzare delle auto sotto alla finestra, credo che stanotte non riuscir? a prendere sonno molto in fretta…

Vi voglio raccontare la storia di una finale dei mondiali di calcio vissuta in una calda e sudata Piazza dei Signori a Vicenza, accalcati eccitati e ansiosi per la partita che andava ad iniziare.

Prosegui la lettura…

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:

Ivano Fossati – L’arcangelo

14 marzo 2006 1 commento

Ivano Fossati
L’arcangelo
Italia 2006

Un disco splendido, maturo, suonato con il cuore prima ancora che con la testa – ma ci sono entrambi, e grandi, grandissimi. Uno splendido ritorno per un Ivano Fossati in forma smagliante.

Voto (0-10): 10

Prosegui la lettura…

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:

www.wcbn.org

30 gennaio 2006 Commenti chiusi

A volte la radio FM delude per mancanza di una programmazione decente, e poi ? piena di pubblicit?… e allora per fortuna che esiste la internet radio.
Per ovvi motivi di ricezione impossibile in Italia, ascolto la BBC via web, ma ci sono emittenti unicamente presenti in rete: questo ? un mondo tutto da esplorare, e per fortuna c’? chi ? pi? avanti di me in questo campo.

Sono lieto quindi di pubblicare il consiglio di Boris:

E’ una radio che devi assolutamente ascoltare. Hanno la programmazione pi? varia che abbia mai sentito:

www.wcbn.org.

Ascoltane la versione stereo a 128kbps.

Ho ascoltato alcuni pezzi qui e l? durante il pomeriggio di ieri, e devo dire che la variet? non le manca proprio: dal latinoamericano funkrapizzato stile Miami al garage fine anni ’60… credo che questa emittente ci riserver? delle belle sorprese!

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:

The great Johnny Adams blues album

6 gennaio 2006 Commenti chiusi

Johnny Adams
The great Johnny Adams blues album
2005

Il 24 dicembre ero a fare l’ultima, disperata corsa all’acquisto di regali di Natale… in un negozio di dischi cercavo l’ennesima copia da regalare del concerto di Colonia di Keith Jarrett (un classico che tutti dovrebbero almeno conoscere). Come in tutti i negozi di dischi, c’era della musica in ascolto: non il solito discone da classifica, ma del bel blues con tanto di sezione fiati… ho preso un regalo anche per me.

Voto (0-10): 9

Prosegui la lettura…

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag: