Home > ...e non mi piace > A volte sparare sulla croce rossa si deve

A volte sparare sulla croce rossa si deve

31 maggio 2014
Il Sole 24 Ore, venerdi 30 maggio 2014 : Alitalia, in arrivo la lettera di Etihad con il via libera all'intesa

Il Sole 24 Ore, venerdi 30 maggio 2014 : Alitalia, in arrivo la lettera di Etihad con il via libera all’intesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Ecco i commenti dei lettori:

Il Sole 24 Ore, venerdi 30 maggio 2014 : i commenti dei lettori

Il Sole 24 Ore, venerdi 30 maggio 2014 : i commenti dei lettoriNoi italiani dobbiamo ringraziare il sig. Berlusconi per avere buttato al vento oltre 5 anni , diversi miliardi di €uro , e inoltre alla schiera di imprenditori ” patrioti ” che si sono impegnati a questa stupida e inutile sfida . Risultato finale , Alitalia invece di finire in mani francesi , quindi comunitarie , finisce in mani arabe , alla faccia della lega . Per raggiungere questo risultato si sono calpestate leggi e regolamenti , ignorando obbligazionisti e azionisti .

Candido1942, 30 maggio 2014 14.48.53

Morale: anche questa volta (come per l’IMU, diventata TASI a costi maggiorati) l’ex cav. Silvio ha solo scaricato una barca di miliardi di euro sulla collettività senza risolvere niente. Attendiamo il prossimo regalino a breve.

max.stroscio, 30 maggio 2014 14.42.32

 


Com’è brutto avere ragione e doversi tenere le bastonate. Sono anni che sostengo esattamente quanto scrivono questi lettori del Sole 24 Ore (noto quotidiano comunista). silvio Berlusconi comprò i voti degli italiani nel 2008 usando… i soldi degli italiani – mica i suoi. Il risultato fu solo quello di ritardare l’inevitabile, cioè la vera cessione in mani straniere dell’Alitalia, e la bufera finanziaria sull’Italia, in parte frutto dell’immobilismo del centro-destra fra il 2008 ed il 2010. Un colpo da maestro in nome della difesa assoluta del proprio potere personale insomma.

Nella pagina di Wikipedia in inglese su Alitalia si legge :

A USA diplomatic cable disclosed in 2011 summarised the operation as follows: “Under the guise of a rather quaint (and distinctly un-EU) desire to maintain the Italian-ness of the company, a group of wealthy Berlusconi cronies was enticed into taking over the healthy portions of Alitalia, leaving its debts to the Italian taxpayers. The rules of bankruptcy were changed in the middle of the game to meet the government’s needs. Berlusconi pulled this one off, but his involvement probably cost the Italian taxpayers a lot of money.”

Ora mi si potrà contestare che acqua passata non macina grano, che ormai Berlusconi è stato punito dalle urne, che non ha senso continuare una polemica ormai vecchia e sterile… sarà pure vero ma faccio due semplici considerazioni. La prima è che il passato va ricordato per evitare di ripetere lo stesso errore due volte. La seconda è le legnate fiscali le stiamo ancora prendendo… grazie Silvio, grazie di cuore.

Share
Categorie:...e non mi piace Tag:
I commenti sono chiusi.