Home > musica e spettacolo > L’anguana idraulica: un concerto visto da dentro

L’anguana idraulica: un concerto visto da dentro

1 maggio 2012

Patrizia Laquidara e gli Idraulici del Suono - Schio 14 aprile 2012
Il 14 aprile gli Idraulici del Suono hanno avuto il piacere di assistere e partecipare al concerto di chiusura del tour dell’Anguana di Patrizia Laquidara. Quella che segue è dunque una recensione da dietro le quinte e sopra il palco, quindi per nulla imparziale e obiettiva!

Il concerto di Patrizia Laquidara è stato meraviglioso: i musicisti sul palco hanno saputo creare un’atmosfera avvolgente e ipnotica, un sogno trasposto in musica. Le canzoni sono state definite folk, etichetta forse vera ma certamente non completa: la musica ascoltata conteneva ingredienti di mille altri generi per creare un impasto meraviglioso che sfugge a facili definizioni da recensione.
Non ha senso esaltare le capacità artistiche e tecniche dei presenti, erano evidenti e per nulla esibite, assolutamente al servizio della dimensione parallela che è stato il concerto: suoni morbidi ma sicuri, voce suadente e dolce, ma anche ferma nel dettare la rotta di navigazione del concerto. Le canzoni si sono susseguite con naturalezza, e la fine del concerto è giunta quasi inaspettata.

Le Canterine del Feo si sono presentate sul palco come richiesto dalla loro partecipazione al CD da cui è tratto il concerto: le loro voci decise e genuine hanno aggiunto un ingrediente di bellissima ruvidità al finale… nessuno fra il pubblico si attendeva l’ingresso degli Idraulici del Suono, come sempre imprevedibili anche a loro stessi. Un corteo funebre ha percorso il teatro Astra di Schio, condotto da un inaspettato cavallino bianco con anguana legato alla grancassa di Svevo Draulic. Patrizia ha sorriso Patrizia, ma il pubblico ha probabilmente notato di più la parruccona nera del folle fratello Draulic!
La Tita Tata riarrangiata è stata elegante e probabilmente sorprendentemente raffinata per gli Idraulici… i fratelli Draulic si sono redenti dopo, quando Patrizia ha (poco saggiamente) mollato le redini del palco e lasciato che i tubi gialli si sfogassero. Il resto è ormai storia. La direttrice del Teatro Astra ha confessato che non aveva mai visto tutto il pubblico della platea in piedi a ballare, vecchiette e vigili del fuoco inclusi (non sto scherzando).

Gli Idraulici del Suono hanno colpito ancora!!!

 

Qualche recensione:

italasveva su youreporter.it  
Alberto Brazzale su thieneonline.it

Share
Categorie:musica e spettacolo Tag:
I commenti sono chiusi.