Home > computer & co. > La tecnologia ed il disturbo della quiete pubblica

La tecnologia ed il disturbo della quiete pubblica

31 maggio 2009

Poco fa ha suonato il telefono appena risposto ho capito dal tono della voce dall’altra parte che si trattava di un messaggio registrato:

"Chiedo scusa per il disturbo, sono Pierferdinando Casini, e <click>"

Il click l’ho creato io riattaccando senza dire una parola. La tecnologia permette oggi ad un computer di fare migliaia, se non milioni, di telefonate completamente automatiche: un’opportunità molto interessante, se non fosse che il chiamato magari non gradisce il disturbo, e non ha nemmeno la possibilità di far giungere a destinazione la protesta (o l’insulto) che gli sorge spontaneo, se non boicottando il prodotto pubblicizzato. Ed è questo quello che farò io: alle elezioni europee del prossimo fine settimana NON voterò Pierferdinando Casini. Così impare a disturbare la gente a casa di domenica pomeriggio.

 

Voto (0-10): per la tecnologia 8

Voto (0-10): per l’efficacia dello strumento pubblicitario: 3

 

Share
Categorie:computer & co. Tag:
I commenti sono chiusi.