Home > computer & co. > FreeCiv

FreeCiv

22 dicembre 2006

Per chi come me aveva amato Civilisation di Sid Meyer (si parla di giorni di fila spesi a giocare), l’operazione FreeCiv ha molto senso: per tutti gli altri probabilmente non molto.

Civilisation ? stato il prototipo ineguagliato del gioco di strategia: inizi il gioco al principio della Storia con un paio di coloni ed una guardia armata, e, fondando citt? dopo citt?, esplorando territori ignoti, combattendo con i vicini per garantirti il tuo spazio vitale, devi arrivare alla fine del gioco trionfante – o almeno arrivarci!
Il fascino di Civilisation era la libert? di approccio al gioco: potevi considerarlo un gioco di guerra, in cui il tuo principale obiettivo era di annientare tutte le altre civilt? in cui ti imbattevi, ma anche un esercizio di diplomazia e sviluppo controllato e armonico di un popolo. Proprio per questo era stato anche definito un toy pi? che un game: mentre il “game”, il gioco, ha delle regole fisse che conducono il giocatore, il “toy, il giocattolo, ? usato dal giocatore per costruirsi il proprio gioco, ogni volta diverso e con le proprie regole. Un’immagine un po’ forzata, ma che dimostra quanto flessibile e libero sia l’utilizzo di Civilisation.

Cos’? FreeCiv? E’ una versione libera, e liberamente modificabile e migliorabile di Civilisation, creata da programmatori indipendenti e quindi utilizzabile senza licenza d’acquisto.

L’ho scaricato e celocemente provato: l’interfaccia somiglia a quella di Civilisation, ma ? molto pi? grezza e, onestamente, la giocabilit? ? di gran lunga minore; l’utilizzo ? piuttosto macchinoso e poco intuitivo. Un’operazione per amatori e puristi insomma, anche se bisogna tener conto che si tratta di un beta avanzato, e quindi ci saranno sicuramente miglioramenti nel tempo. Detto questo per? giudico l’operazione molto favorevolmente: il gioco ? gratuito, liberamente e legalmente utilizzabile da chiunque. E ditemi se ? poco!

Vai al sito di FreeCiv

Voto (0-10):
voto assoluto 5
voto simpatia 10

Share
Categorie:computer & co. Tag:
I commenti sono chiusi.